Un amore che va oltre i tabù, che non ha imbarazzi, dove le trasgressioni, le risate sguaiate e i pianti a singhiozzo sono permessi, anzi ben accetti. È l’amicizia ovvero l’amore con la A maiuscola, il vero, unico e grande amore della vita. La persona per la quale provi un affetto incondizionato, senza interessi, senza gelosie, senza malintesi, senza paura, per esempio, di avere l’alito pesante. Che ti capisce solo con un’alzata di sopracciglio, con un whatsapp troppo laconico, che conosce i tuoi indumenti feticcio, le canzoni con cui ti può fare passare dal pianto al riso e dal riso al pianto.

Molte coppie si formano poi si disfano, molte altre rimangono salde, belle, complementari, ma l’amico della vita è il vero amore, la persona che ti aiuta a crescere, a diventare spesso migliore, che non ti abbandona. È la sorella o il fratello che ti sei scelto, perché ti assomiglia o è il tuo opposto e per questo ti è necessario. È l’amico esclusivo, ma che condividi volentieri perché ne vai fiero come fosse tuo figlio.

Con lui i cattivi pensieri svaniscono e i dolori si attenuano. Da lui non ti “separi”, al massimo ti prendi una ”pausa”, dovuta quasi sempre a una distanza geografica o a impegni familiari.

Certo, un’amicizia può anche finire, ma non si spezza improvvisamente, è un allontanamento progressivo, delicato, quasi sempre senza rancore, tutt’al più con un pizzico di nostalgia. Niente a che vedere con una separazione o con un divorzio! E poi come ti allontani da un amico così ti puoi riavvicinare. Ritroverai tutto com’era: i suoi modi di dire, la sua risata, il suo profumo, i suoi indumenti feticcio.

Ridere con gli amici è fonte di felicità. Attività che si merita molto più tempo rispetto a quello perso correndo dietro agli amori sbagliati, perchè l’amicizia è amore con in meno il sesso e in più la ragione. L’amore è amicizia con in più il sesso e in meno la ragione.

Le coppie ( e parlo di amore adesso ) che meglio funzionano sono infatti quelle che scoprono nell’altro/a anche l’amicizia oltre l’amore, con quella che dall’esterno si chiama ‘complicità’.

Vialli e Mancini, Mancini e Vialli. Insultati allo stadio con cori sessisti negli anni della Sampdoria scudettata per la loro complicità potrebbero anche essere una coppia di amanti oltre che di amici. Chissenefregherebbe dopo quasi trent’anni.

Loro vincono insieme, abbracciati da trent’anni come Sandra e Raimondo, Gigi e Andrea, Rick e Gian, Gaspare e Zuzzurro, Al Bano e Romina.

Perchè come cantava Venditti ‘Gli amori fanno dei giri enormi e poi ritornano’. A vincere. Sempre. Sempre insieme.

‘Amici sempre’ però, altro che ‘Amici mai’.

Rispondi