#STORIEDIUOMINISETTE

Clacson, bandiere, fumogeni, urla, gioia, felicità.

Questa era l’Italia ieri sera.

Tutti davanti alla Tv, davanti ai maxi schermi a esultare e a gioire.

La Spagna battuta ai rigori, e noi in finale.

La Spagna ha un allenatore.

Il suo nome è Luis Enrique.

E’ stato calciatore, un buon calciatore.

Di lui gli Italiani hanno un ricordo, un naso rotto e sanguinante durante la partita Spagna-Italia dei Mondiali di USA ’94.

Un colpo, non proprio ortodosso, del nostro Mauro Tassotti, in fondo ci poteva stare, come diceva il mediano dei tempi eroici del calcio Guido Ara il calcio non è uno sport per signorine”.

Ieri sera la Spagna ha giocato bene.

Ben messa in campo, organizzata.

Il merito, per buona parte è di Luis Enrique.

Eh già. Luis Enrique.

62 presenze da giocatore con la nazionale maggiore spagnola, ha conquistato tre Campionati spagnoli, tre Coppe di Spagna, due Supercoppe di Spagna, una Coppa delle Coppe, una Supercoppa Uefa, l’oro olimpico con la Nazionale spagnola a Barcellona ’92.

Da allenatore ha vinto: una Champions League con il Barcellona, una Supercoppa, una Coppa del Mondo per Club, è stato il miglior allenatore della Liga nel 2014-15.

Dal 2018 è allenatore della Nazionale spagnola di calcio.

Un vincente come giocatore e come allenatore.

Ma soprattutto un Uomo, un grande Uomo.

Ieri sera, dopo che la sua squadra aveva messo sotto per lunghi tratti la nostra Italia, ha dichiarato “In finale tiferò Italia, è impossibile non amarla”.

Come è impossibile non amare quest’Uomo, questo Papà.

Nella vita ha dovuto sopportare il dolore più atroce, la perdita della figlia Xanita, per un raro tumore osseo.

Aveva lasciato la “Roja” per qualche mese, per stare vicino alla sua bimba di nove anni.

Non era bastato.

Ma lui, è tornato, ha voluto dimenticare il dramma, la tragedia e tornare a vincere anche per il suo piccolo angelo.

La Tua bacheca Luis Enrique è piena di trofei, di vittorie, di gioie.

Vinti da giocatore e da allenatore.

Ma ieri sera con la Tua sportività, con la Tua serenità hai conquistato il Trofeo più grande di tutti.

Il Trofeo che in pochi sanno conquistare veramente.

Hai conquistato il nostro Cuore.

Rispondi