CULTURA CURIOSITA' Senza categoria

The Incredible String Band – di Danilo Ramirez

Danilo Ramirez racconta un gruppo della musica giovanile anni 60/70 tanto importante quanto poco noto

Esiste un gruppo pop rock inglese che ebbe tra i suoi ammiratori Bob Dylan ( “October song è una delle mie canzoni preferite di questo periodo”), Paul MacCartney (“The 5000 Spirits or the Layers of the Onion è uno dei miei dischi preferiti di quest’anno”, 1967), i Led Zeppelin (Robert Plant ha affermato che il gruppo trovò la sua via ascoltando The Hangman’s Beautiful Daughter) ma sfido il lettore a ricordare il nome della The Incredible String Band.
Come è possibile questo?
Credo che sia dovuto a due principali motivi: il primo la non facile musicalità espressa da questo gruppo che durante la sua carriera ha sempre esplorato sonorità nuove e non sempre di immediato ascolto e secondo perché è mancata alla Band la canzone giusta, quella che diventa subito popolare e molto diffusa.
Perché alla carriera degli ISB (come venivano abbreviati) non è mancato nulla per scalare le vette del successo: il disco che nel 1968 raggiunge la top 5 delle classifiche britanniche e la nomination al Grammy negli Usa.

Non si fanno neanche mancare Woodstock ma qui hanno sfortuna, si esibiscono tardi e così non appaiono nel famoso film che immortala il più grande concerto della storia della musica giovanile ma soprattutto non c’è gradimento da parte del pubblico, la loro musica è troppo diversa da quella dei Canned Heat che li hanno preceduti scaldando i presenti col loro semplice ma gradevole rock blues.
 La carriera degli ISB, iniziata nel 1965 continua fino alla metà degli anni 70 con cambi di formazione, la loro musica sempre molto ricercata, sperimentale li porta comunque alla Royal Albert Hall e in importanti auditorium americani oltre che nei programmi televisivi.
Bisogna ammettere che la capacità esecutiva dei due fondatori è molto valida come anche la loro continua ricerca di strumenti nuovi e originali mutuati da altre culture.
Ma forse il limite maggiore alla popolarità degli ISB è che producono musica nel periodo di maggior fermento creativo di ogni epoca. Se di fronte a te hai Beatles, Genesis, Rolling Stones, Who, Led Zeppelin, Simon & Garfunkel, Stevie Wonder ( e potrei proseguire a lungo con Jethro Tull, Deep Purple, Creedence…., ELP, YES, insomma eravamo davvero abituati troppo bene) cosa devi scrivere per essere ricordato?
Ascoltare oggi la musica della Incredible String Band è comunque interessante.
Sicuramente datata è tuttavia un ardito mix di generi che parte dal folk per toccare e mettere insieme più generi arrivando fino a dissonanze al limite del fastidio.
Si percepisce però il loro piacere nella sperimentazione e nella provocazione, ottimi professionisti che non si sono mai presi troppo sul serio.




Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: