BELLEZZA CULTURA CURIOSITA' RUBRICHE SPETTACOLI

Yesterday – recensione di Danilo Ramirez

Yesterday è un film di produzione inglese diretto da Danny Boyle e uscito in sala nel 2019.
Un grande appassionato dei Beatles, come chi vi scrive, non poteva che essere incuriosito da questa storia che appariva molto interessante fin dal trailer.

Posso dire che non si rimane delusi, tutt’altro.
La situazione surreale di partenza è un classico che ha dato spunto a film bellissimi (ne cito solo alcuni, Ricomincio da capo, Peggy Sue si è sposata, Se fossi in te, e forse il più iconico di tutti, la trilogia di Ritorno al futuro). Il racconto procede molto delicatamente in un mondo che non ha vissuto alcuni degli elementi che ne hanno caratterizzato l’esistenza e questo provoca una forte ilarità. C’è tuttavia un momento di grande intensità, tale da lasciare lo spettatore incantato. Forse quel momento, verso il finale, vale tutto il film perchè ci porta dove neanche la più bella fantasia avrebbe potuto. Onore agli autori, ci hanno fatto sognare.

Vorrei fare infine ancora una considerazione.
Sui Beatles si è detto e scritto tutto. Faccio notare che si tratta sempre e solo di una trasmissione di gioia. Forse la caratteristica più straordinaria di questo gruppo musicale, sicuramente il più grande di tutti i tempi, è che i film ricavati dalla loro parabola musicale si basano sempre sulla serenità, la felicità, sulla scoperta.
Mi viene in mente il bel La vita è facile a occhi chiusi (Spagna 2013 regia David Trueba) basato sulla storia vera di un insegnante spagnolo che nel 1967 si recò in Almeria quando scoprì che John Lennon era in quella zona per girare Come ho vinto la guerra di Richard Lester.


Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: