ATTUALITA' BELLEZZA CULTURA Senza categoria

Vogliamo i colonnelli – di Danilo Ramirez

le critiche cinematografiche di Danilo Ramirez

Scena finale: Ugo Tognazzi è seduto con i due rappresentanti di uno stato africano al tavolino di un bar nei pressi della stazione Termini a Roma. Sta tentando di vendere loro il suo progetto di colpo di stato quando si avvicinano due poliziotti: “Scusate non conoscete le ultime norme sugli assembramenti? Non si può stare in tre seduti allo stesso tavolino
Ecco, ascoltando questa battuta che negli anni settanta appariva paradossale si può comprendere come il cinema, la letteratura, l’arte in generale abbiano sempre saputo anticipare i momenti peggiori nella storia dell’umanità.
Vogliamo i colonnelli è uno straordinario film del 1973 diretto da Mario Monicelli.
Una feroce satira del golpe Borghese, il tentato colpo di stato organizzato da Junio Valerio Borghese nella notte tra il 7 e l’8 dicembre del 1970 del quale si può leggere ampio resoconto sul web.
Monicelli ricostruisce la vicenda seminando nel film una serie di personaggi ridicoli, generali in pensione, militari nostalgici, tutti guidati da uno strabordante Ugo Tognazzi, deputato al parlamento nel partito di destra.
Mi piace ricordare tra i protagonisti un caratterista che amo molto, Antonino Faà di Bruno, nella parte del colonnello in pensione Ribaud. Ogni battuta di questo personaggio, detta con l’inconfondibile accento piemontese del Faà, è un capolavoro di umorismo.
Il film è esilarante, la serie di contrattempi che fanno fallire il colpo di stato è un concatenarsi di eventi molto divertenti ma il regista mette al film un finale ben diverso da quello della storia.
Il ministro dell’interno approfitta del momento di caos per prendere il potere e dare un po’ di “ordine” al paese. Le libertà democratiche sono sospese, il controllo diviene ferreo su tv e cinema.
Monicelli ci fa ridere ma lancia il suo messaggio politico di critica alla società: credete di essere liberi ma basta molto poco perché questa libertà possa scomparire.
Analogie col momento storico attuale? Molte.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: