ATTUALITA' CRONACA SPORT

L’Atletica Stronese vince i campionati di società allieve, specialità mezzofondo

Nel mese di ottobre la squadra allieve dell’Atletica Stronese Nuova Nordaffari si classificò prima nella seconda fase dei Campionati a Squadre di Endurance che si svolse a Modena. Si trattò di un importante successo se pur di tappa, per utilizzare un termine ciclistico.
La federazione ha reso note le classifiche finali di specialità che vedono la forte squadra biellese affermarsi anche nella classifica finale.
Dietro si leggono nomi di società che hanno fatto la storia dell’atletica italiana, colossi come Bracco Atletica seconda e Atletica Studentesca Rieti terza.
Come è stato possibile questo?
Grazie ad un progetto visionario portato avanti da alcune società giovanili biellesi.
I dirigenti si sono incontrati lo scorso anno concordando su una idea: ognuno di noi ha degli atleti/e forti, tesseriamoli per la stessa società, una sorta di prestito, in modo che oltre ad avere dei singoli forti facciamo anche la squadra forte. Così gli atleti/e sono confluiti nelle società mantenendo naturalmente il loro allenatore.
Purtroppo il covid ha ridotto l’attività consentendo un decimo di quella che era sempre stata una normale stagione agonistica. Ma il progetto ha fatto centro ugualmente.
Le tre atlete sono Matilde Bonino (origine società Bugella) Eloisa Marsengo (origine società Gaglianico) entrambe allenate da Clelia Zola e Anastasia Zucco (Stronese) allenata da Andrea Bello.
Il punteggio totale ottenuto le ha collocate davanti a tutte in Italia.
Può sembrare una cosa semplice ma la lungimiranza di questa idea non è così facile da realizzare in un ambiente sportivo spesso limitato da chiusura e invidie.
Questo grande risultato è un premio in primo luogo per i dirigenti che hanno realizzato il progetto e non può che rappresentare uno stimolo ad andare avanti creando altre squadre in grado di competere a livello nazionale.
Come rivista biellese infine dobbiamo rendere nota la notizia che Clelia Zola si presenta candidata alla presidenza del comitato regionale nel quale da molti anni svolge il compito di responsabile tecnico regionale. La professoressa ha deciso di fare il salto alla massima carica fidal piemontese, ha l’esperienza e l’entusiamo per svolgerla al meglio.
d.r.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: