Intitolare l’Istituto Tecnico di Biella a Framco Rigola, storico preside scomparso nei giorni scorsi : questa la proposta di Europa Verde e del massimo esponente locale Alessandro Pizzi.

Pizzi come tanti altri, è stato uno dei molti allievi che ha avuto come dirigente scolastico il compianto Rigola, scomparso all’età di 74 anni.

Sui social, l’ex candidato sindaco di Biella ha anche condiviso il suo personale ricordo: ‘Correva l’anno 1994 quando con grande fatica conquistavo il mio diploma da perito chimico capotecnico all’ITIS di Biella. E ricordo ancora il Preside dei Presidi Franco Rigola complimentarsi perchè da ragazzino poco disciplinato ero diventato un uomo’.

Da un affetto personale e da una stima professionale per il preside per eccellenza nasce quindi l’idea che ricorda quella che aveva lanciato chi scrive di intitolare la nuova biblioteca comunale a Gustavo ‘Tavo’ Burat.

Due persone, due personaggi, molto diversi da loro all’apparenza, ma accomunati dal gusto della cultura, dalla sete di conoscenza e da una certa ‘allergia’ alle sale che contano a Biella.

Raramente, e mal volentieri, presenti ai circoli che contano nel capoluogo laniero, le due figure meritano un imperituro ricordo tangibile nella loro città

Ma, ne siamo sicuri, la proposta di Pizzi cadrà nel vuoto, così come la nostra di qualche anno fa quando sorse la nuova biblioteca e si aprì un dibattito se e a chi intitolarla.

Biella dimentica i suoi figli meritevoli, ma è sempre pronta ad aprire le porte e i cordoni della borsa al farlocco di turno che attraversata la Serra si atteggia a maestro al contrario dei due, schivi, protagonisti di questa riflessione.

Biella dimentica i suoi figli meritevoli

Sarà così anche con Rigola.

Pizzi si metta il cuore in pace.

O no ?

Rispondi