ATTUALITA' PIEMONTE SALUTE

SANITA’ PIEMONTE : PRESIDIO DEI MANUTENTORI E RISPOSTA DELL’ASSESSORE ICARDI.

” Condivido la preoccupazione per la garanzia degli standard ospedalieri e la necessità di integrazione della clausola sociale a tutela dei lavoratori. Ho chiesto al direttore dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Città della Salute di Torino di trovare una soluzione che tenga conto del rispetto della normativa in materia di appalti e della necessità di salvaguardare i posti di lavoro in un periodo delicato, non solo dal punto di vista sanitario, ma anche economico e sociale come quello che stiamo vivendo. Confido che già dall’incontro convocato per oggi pomeriggio tra il Commissario dottor La Valle e i rappresentanti della multinazionale che si è aggiudicata l’appalto si possano individuare delle strade percorribili”.

Così l’assessore alla sanità della Regione Piemonte, Luigi Icardi, in merito alla situazione dei lavoratori manutentori del presidio ospedaliero delle Molinette: una delegazione è stata ricevuta questa mattina in Consiglio regionale dal Presidente Stefano Allasia e da alcuni consiglieri.

La Direzione Generale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria ribadisce che le amministrazioni pubbliche “sono obbligate ad approvvigionarsi attraverso le convenzioni stipulate da Consip, ovvero dalle centrali di committenza regionali. La possibilità delle singole amministrazioni di provvedere ad acquisti in autonomia è soggetta a specifica autorizzazione e limitata ai casi in cui il bene o servizio oggetto della convenzione Consip non sia idoneo al soddisfacimento dello specifico fabbisogno dell’amministrazione per mancanza di caratteristiche essenziali.  La scelta di aderire al Multiservizio tecnologico Integrato con fornitura di energia risponde all’esigenza di conseguire gli obiettivi previsti dalla DGR 4 agosto 2016 n. 122 – 3857 con la quale la precedente Giunta ha individuato la Città della Salute e della Scienza, unico ente del sistema sanitario regionale, come destinatario di un piano di rientro. In tal senso, il potenziamento degli interventi di riqualificazione e di efficientamento energetico dei sistemi edificio/impianto, oggi particolarmente carenti nelle strutture ospedaliere dell’Azienda, risponde all’obiettivo di recupero sui costi di manutenzione frequentemente citati quale criticità di spesa.”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: