PIEMONTE POLITICA Senza categoria

Aiuto per gli affitti a Biella e Piemonte.

Per gli anni 2019 e 2020, il fondo a sostegno della locazione, la cui legge istitutiva è la n. 431 del 1998 (all’art. 11), consterà di risorse pari a oltre 23 milioni di euro complessivi. L’Assessore regionale alla Casa spiega che tale importo deriva dai 3,6 milioni del 2019, dagli oltre 9 milioni del 2020, già disponibili, e dai circa 11 milioni per i quali l’ iter è ancora in corso e dei quali la fetta più consistente – circa 10 – deriva dal D.L. 34/2020, il cosiddetto “Decreto rilancio”. L’Assessore ricorda altresì che proprio nel mese di settembre, dal 1° al 30, i 74 Comuni capofila piemontesi, avendo emesso il relativo bando, stanno raccogliendo le istanze dei cittadini che vorranno accedere al contributo. Invita pertanto la cittadinanza biellese in possesso dei requisiti richiesti, espressi nel bando (reperibile, ad es., sul sito istituzionale della Città di Biella http://www.comune.biella.it/web/casa-politiche-sociali/sostegno-alla- locazione ), a rivolgersi al proprio comune di appartenenza per non perdere la possibilità di presentare domanda e ricevere il rimborso spettante. Per quanto attiene al Biellese, i Comuni capofila sono Biella, il cui ambito territoriale comprende 46 Comuni e Cossato, con 28 Comuni. Tale dato tiene conto delle fusioni tra Enti avvenute nel corso degli ultimi anni.

L’Assessore regionale specifica che, nel dettaglio, del bando 2019, il comprensorio del capoluogo riceverà oltre 50.000,00 euro e circa 20.000,00 quello di Cossato. Del 2020 già disponibile, a Biella e Comuni collegati giungeranno poco più di 130.000,00 euro, a Cossato circa 50.000,00 €, per un totale, per tutto il territorio, di oltre 250mila euro. Conclude ricordando quanto, in questo momento di grande difficoltà economica per le famiglie, tali risorse siano fondamentali per sostenere i soggetti più fragili e colpiti dalla crisi e sottolinea che, purtroppo, il disagio sociale derivato dalla pandemia non potrà che crescere nei prossimi mesi, anche a seguito della sofferenza conclamata che il settore produttivo italiano e biellese si troverà ad affrontare, anche in termini occupazionali.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: